Traduzione, Interpretazione, Linguistica

NOT JUST A MATTER OF WOR(L)DS

Non è solo questione di parole…

Se come me siete dei veri o delle vere wordaholic, affetti/e cioè da quella strana forma di ossessione per le parole, altrimenti detta ipercorrettismo o pignoleria, che è tipica d’ogni traduttore, interprete e studioso delle lingue, vi invito a non farvene un cruccio e vi confesso che qui troverete pane per i vostri denti.

Io stessa mi reputo parte della suddetta categoria, di quelli che «questa parola non la conosco, vado subito a cercarla sul sito della Treccani», «questa parola viene dal francese, ne sono sicura. Adesso vado a controllare», «qui c’è un errore di traduzione», «qui c’è un calco dall’inglese», «questa parola non è appropriata in questo contesto», «questo in italiano non si dice», «se io cosa?!».

Insomma, sono e siamo dei veri maniaci delle parole. Per quanto mi riguarda, sin da bambina ho maturato un vero e proprio interesse per lo studio delle parole, dapprima nella mia lingua madre, l’italiano, e poi, a partire dalle scuole medie, nelle lingue straniere.

Ho sempre cercato di costruire i miei discorsi con la parola o il termine più appropriato, entrando spesso in quel circolo vizioso in cui non si è mai soddisfatti del proprio modo di esprimersi, e ogni cosa messa per iscritto viene evidenziata, sbarrata e cancellata mille volte prima di arrivare alla versione finale. All’orale, invece, se non si inizia a parlare come macchinette con un eloquio e una proprietà di linguaggio che farebbero invidia a Dante in persona, si balbetta, ci si interrompe, si indugia su una parola pensando subito a come sostituirla impiegando un termine più corretto. Ma più corretto per chi? 

La verità è che… come direbbero gli inglesi “it’s not just a matter of words”: non è solo questione di parole. La parola è l’involucro esterno, il primo strato delle lingue, la matrioska più grande che contiene al suo interno esemplari sempre più piccoli.

La parola è un’etichetta, una sorta di carta d’identità di uno o più concetti che l’uomo, da sempre e per assolvere alla primissima funzione del linguaggio, quella comunicativa, desidera esprimere. Se vogliamo metterci di mezzo la filosofia, la parola funziona in sé come una piccola monade, è un piccolo centro vitale che brilla di luce propria e che insieme ad altri minuscoli universi va a costituire il lessico di una lingua.

Ma di cosa è fatta la parola? Cosa c’è al suo interno di così mistico? Perché impazzire nella scelta di una parola, un termine o una particolare espressione? That’s exactly the point.

La nostra professione ruota proprio intorno a tale compito, quello di scoprire l’essenza, la natura e il significato delle parole, di studiarne i singoli elementi costitutivi, di analizzarne l’etimologia, di opporre la struttura di un termine a quella del suo equivalente in altre lingue. Ciò è da sempre un’impresa ardua. Un compito difficilissimo che porta i linguisti a scoprire continuamente nuove parole, nuove accezioni, nuove sfumature di significato, le quali a loro volta, nascondono dietro di sé nuovi mondi, alcuni solo parzialmente esplorati, altri ancora sconosciuti. Per non parlare di quando la parola-monade si aggancia ad altri suoi simili per formare frasi, periodi, paragrafi, testi. La parola è uno strumento potentissimo, ha la capacità di creare o distruggere mondi, costruire ponti o innalzare muri, di cambiare ogni cosa. Questo perché quando si parla, si scrive, si legge o si pensa non è mai soltanto questione di parole.

Da poco ho iniziato ad affacciarmi al mondo della traduzione e credo di aver imparato due cose: la prima è che nel mio lavoro, sicuramente, non mi annoierò mai. La seconda è che devo darmi una bella calmata con le manie di perfezione perché altrimenti, oltre a rischiare di farmi rinchiudere per evidenti disturbi ossessivo-compulsivi di natura linguistica, potrei pure rimanere senza amici. 

CONDIVIDI L'ARTICOLO

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *